, , , ,

Recensione – F1 2018, la classe non è acqua

https://www.youtube.com/watch?v=J4I9Y8XLblc

La serie dedicata alla formula 1 da quando è passata nelle mani di Codemasters ha saputo ogni anno arricchirsi e diventare sempre più fedele e veritiera rispetto la contro parte reale, ma come ogni anno accade, la domanda che ci poniamo è sempre la stessa… quest’anno avremo tra le mani l’esperienza definitiva? bhe, scopriamolo insieme.

Partiamo subito con le novità.

Come sicuramente saprete dalla stagione 2018 sono stati aggiunti alle monoposto le protezioni per la testa dei piloti chiamate Halo, questa barra sicuramente antiestetica ha la funzione di proteggere al massimo il pilota, facendo da vero e proprio scudo in caso di incidenti. Inutile dirlo che in F1 2018 questa “novità” all’inizio potrebbe darvi qualche noia ma poi già dalla seconda/terza gara sarà come non averlo e vi sembrerà tutto come prima.

f1 2018 recensione

Novità di classe

Gameplay Off.The.Track –  Al fine di rendere l’esperienza di F1 2018 accessibile a tutti, Codemasters ha voluto concentrare le proprie forze su altri aspetti tralasciando la ” simulazione ” indietro ( ma non troppo).

Se da un lato il gameplay è “classico” ( anche se estremamente giusto per il titolo e facilmente modificabile in difficoltà) dall’altro abbiamo una cura per i dettagli davvero notevole fuori pista  infatti la modalità carriera di F1 2018 non sarà solo gara ma anche dietro le quinte con un paddock aggiornato e ampliato pensato proprio per restituire l’esperienza completa che tutti noi appassionati abbiamo desiderato almeno una volta nella vita di vivere in prima persona.

Al termine di ogni competizione della stagione, una giornalista ci fara’ delle domande su cosa è accaduto durante il Week-End di gara e ci sarà permesso anche di negoziare con i team quattro volte per stagione creando una grande dinamicità e arricchendo un titolo che nasce per correre su pista. Codemasters ci crede in questa serie e a dimostrazione di quanto vuole dimostrare, quest’anno ha persino riprodotto il rumore del tornello dagli ingressi del paddock. Sono piccole cose che non a tutti interesseranno ma c’è da dire che il tocco di classe rappresenta un segnale di spinta verso la qualita’ della simulazione su pista e l’atmosfera che c’è prima e durante la gara.

Grafica e aggiunte azzeccate

Le ultime edizioni dei giochi F1 non hanno portato grandi cambiamenti grafici, complice anche il fatto che siamo verso fine generazione e la potenza inizia a scarseggiare, ma non tutto è perduto infatti in F1 2018 il titolo riesce a restituire un feedback molto più fotorealista con ambienti che presentano foschia, il kick up della polvere rende più reale il momento e finalmente la profondità di campo è più accentuata, restituendo una sensazione che è sempre mancata alla serie firmata Codemasters.

Queste aggiunte sono in grado di rendere tutto molto più unito e in armonia dando in alcuni casi la sensazione di una gara vera vista in TV. Giusto qualche riga più in alto, parlavamo proprio dei tocchi di classe nel gameplay, ma c’è da segnalare anche qualcosa sulla grafica, infatti la foschia del calore generato dalle monoposto e dall’asfalto ricrea una situazione fotorealista all’intero titolo e in modalità replay queste piccole chicche sono ancora più accentuate rendendo l’immagine su schermo davvero appagante.

f1 2018 Recensione

GamePlay

Di novità ce ne sono poche ma anche queste giuste e per nulla fuori contesto, prima fra tutte è la gestione migliorata dei dossi, dove in caso di errata entrata in curva, la vettura subirà un feedback realistico e irregolare esattamente come nella realtà e le irregolarità dell’asfalto ci faranno sicuramente concentrare di più, ogni gara e circuito è un’incognita e questo offre un grado di sfida per nulla banale e molto appagante.

Vista così non sembra nulla di che ma se si decide di togliere tutti gli aiuti e gareggi a livello pro, questi particolari incideranno in maniera evidente.

Purtroppo la gestione delle gomme ancora non è stata curata come si deve, i modelli di temperatura dei pneumatici ora svolgono un ruolo importante ma non ancora in grado di farci vincere o perdere una gara come succede nella realtà, vista la quantità di aggiunte e di accorgimenti implementati quest’anno, ci pare davvero strano che i ragazzi di Codemasters non abbiano pensato a nessuna soluzione ” rivoluzionaria ” per il comparto gomme.

 

PRO

  • Il comportamenti delle monoposto sono stati ottimizzati e resi molto più realistici
  • Grafica curata e appagante
  • Esperieza totale davvero ben elaborata

CONTRO

  • Alcuni cali di Frame nelle situazioni più complesse
  • Menu di gioco per nulla rinnovato rispetto alle precedenti edizioni
  • Danni esistenti ma non molto realistici

—————————————————-

Risparmia con Amazon.it

 

 

 

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.